Inflazione e cosa fare per sconfiggerla

L’inflazione corre veloce e tutti ce ne accorgiamo quotidianamente. I rapidi aumenti dei prezzi comportano che con lo stesso denaro possiamo acquistare meno beni e servizi e la cosa non è piacevole, perché ci rendiamo conto che il nostro potere d’acquisto diminuisce e, con lui, anche il nostro tenore di vita.

Ma quanto scende il nostro potere d’acquisto all’aumentare dell’inflazione?Tabella 1

La tabella mostra che, con un’inflazione, ad esempio, del 5%, i nostri 100 euro, dopo 5 anni, valgono 82,3 euro e, dopo 10 anni, 64,5 euro.

La cosa è preoccupante e non possiamo rimanere fermi a guardare!

Se analizziamo le crisi degli ultimi 50 anni, dal 1974 all’anno covid, escludendo quella in corso, vediamo che si sono verificati 19 eventi di crisi, con cali dei mercati azionari superiori al -10%, con il calo più elevato durante la crisi del 2008-2009 con -50,79%.Tabella 2

Vi potreste domandare: e questo cosa c’entra?

C’entra, perché l’unico modo per proteggerci dall’inflazione è investire nell’azionario, in quanto la parte obbligazionaria ha rendimenti troppo bassi per riuscire a farlo.

E i dati storici dimostrano che tutti gli investimenti azionari, sottoscritti nella modalità Piano di Accumulo – PAC, vale a dire un po’ al mese, nei suddetti 19 eventi negativi hanno dato risultati positivi.Tabella 3

Nel caso di calo dei mercati azionari dal -10% al -15%, per tutti gli 8 eventi negativi, sono bastati 24 mesi per avere risultati positivi.

Nel caso di calo dal -15% al -20%, per tutti i 4 eventi negativi, sono bastati 18 mesi per ottenere risultati positivi.

Nel caso di cali superiori al -20%, nei 6 eventi dei 7 totali negativi, sono bastati 18 mesi per ottenere risultati positivi. Solamente per 1 di questi eventi negativi sono stati necessari altri 16 mesi per ottenere risultati positivi.

L’emotività è fuorviante e rischia di farci prendere decisioni sbagliate, ma i dati storici vengono in nostro aiuto, affinché prendiamo le giuste decisioni.

 

 

 

 

Fonte: Bloomberg

Comments are closed.